HOMI 2020: i trend dell’anno sono design sostenibile e creatività del riuso

HOMI 2020: i trend dell’anno sono design sostenibile e creatività del riuso

Ricerca e condivisione, sostenibilità e futuro. Sono queste le parole chiave di HOMI: il Salone degli stili di vita che per l’edizione gennaio 2020 ha deciso di rivisitare il suo format.

homi

Abbiamo fatto un giro all’exhibition dedicata ai professionisti del settore home hospitality che ogni anno (nelle sue due edizioni) si evolve.

homi tognana

Tognana @HOMI 2020 – Foto di Federica D’Arpa

Una mostra italiana dal respiro internazionale che spazia dal settore tessile al design, passando dalle fragranze al gifting, fino alle decorazioni per le festività natalizie.

homi

Questa volta, l’evento mette al centro le crescenti tendenze delle case condivise e del B&B globalizzato. Tanti gli espositori stranieri in particolare provenienti da Germania, Francia, Spagna e Portogallo; Corea e Giappone per quanto riguarda l’extra Europa.

La nuova cultura del design sostenibile

Ricca di stimoli per diverse categorie di visitatori, HOMI offre uno storytelling unico e in divenire dove la prospettiva nazionale si fonde a quella internazionale grazie a progetti speciali ed experience nate sotto il segno dell’originalità e della sostenibilità.

HOMI 2020 – Foto di Federica D’Arpa

Come finestra aperta sui temi del design, dell’artigianato di qualità e degli accessori innovativi per la casa, la fiera mostra la sua anima più inclusiva e una risposta concreta alle nuove logiche di fruizione degli ambienti oltre a rappresentare un’opportunità in più per ideare spazi fortemente connotati dalla cultura locale ma capaci di ospitare persone provenienti da tutto il mondo.

Tra i filoni di stile più interessanti: la riscoperta della tradizione italiana in chiave internazionale e la tendenza shabby chic che gioca su atmosfere calde e romantiche con mobili e complementi d’arredo dall’aspetto autenticamente vintage.

homi

HOMI 2020 – Foto di Federica D’Arpa

LEGGI ANCHEIn plastica, riciclata dai rifiuti domestici: ecco la sedia di design sostenibile

I padiglioni

Suddivisa in quattro aree principali, la prima è quella dedicata ai produttori e ai distributori del Retail, Fragrance e Textile Inspiration capaci di aggregare un’offerta ricca e attentamente selezionata.

homi

L’area Home Boutique & Design è dedicata alla manifattura di qualità, caratterizzata da rilevanti identità di marchio o prodotto.

homi

All’interno spazio all’artigianato e al design Made in Italy con selezioni dei migliori designer internazionali.

homi

Stand Alessi – Foto di Federica D’Arpa

Il Padiglione Home International Delivery è l’area dedicata ai grandi importatori e distributori, caratterizzati da ampia gamma di prodotti con fasce di prezzo molto competitive. Al suo interno una proposta che varia anche in termini di gadget e cartoleria.

Festivity è invece l’area dedicata agli articoli per le festività e le grandi occasioni con una particolare attenzione alle decorazioni natalizie e all’arte del presepe.

homi 2020

Gli spazi dedicati alla creatività del riuso

Tra workshop, presentazioni e case history sono diversi i talk che si scandiscono all’interno dell’evento. HOMI si propone anche come fucina di idee per professionisti e associazioni che mostrano uno spaccato reale delle tendenze di mercato riguardo i temi della progettazione degli interni nell’ambito residenziale e in quello dell’ospitalità.

Tante idee nate da materiali riciclati o da scarti di lavorazione industriali per una nuova cultura del design sostenibile. Le proposte rispecchiano le tendenze più attuali e diffuse legate al riuso, al riciclo e alle scelte eco-friendly.

homi 2020

La nuova sostenibilità green sta cambiando le nostre abitudini di consumo, così anche gli accessori per la casa si trasformano, diventando simboli di un’economia circolare che rispetta il pianeta.

LEGGI ANCHESempre più persone scelgono una alimentazione Plant-Based food (e non è sinonimo di vegan)

homi

Quest’anno la fiera ha dedicato uno spazio alla creatività del riuso e alla sostenibilità. A curare questa prima edizione che prende il nome di ECOSOCIALLY è uno dei pionieri dell’arte ecologica contemporanea Luca Gnizio.

homi 2020

In mostra opere d’arte, brevetti e innovazioni ecologiche dell’eco-social artist come le sue iconiche sculture sedie, esempi di prodotti domestici che portano dei messaggi di sensibilizzazione e critica nei confronti dell’inquinamento ambientale.

Tratto da: https://www.ninjamarketing.it/2020/01/26/fiera-homi-2020-design-sostenibile-trend/

rafaelgroup
No Comments

Leave a Comment